Biologia ed ecologia marina

A.A. 2020/2021
6
Crediti massimi
48
Ore totali
SSD
BIO/05 BIO/07
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
L'insegnamento si propone di contribuire alla formazione di laureati magistrali che abbiano una piena comprensione dei fondamenti delle caratteristiche biotiche e abiotiche dell'ambiente marino. In particolare gli obiettivi che il Corso si propone sono di fornire: a) Conoscenze riferite a: caratteristiche chimico-fisiche dell'ambiente marino; biologia funzionale ed ecologia degli organismi marini; misure di conservazione b) Competenze culturali riferite a: temi generali della biologia ed ecologia marina; panoramica sulle minacce che gravano sul mare e sulla sua biodiversità; c) Competenze metodologiche riferite a: riconoscimento di taxa, tecniche di campionamento e raccolta di dati, basi di un approccio scientifico all'adozione di misure di conservazione.
Risultati apprendimento attesi
Alla fine del corso, lo studente acquisirà:
Conoscenza dei concetti base della biologia marina (quali: caratteristiche chimico-fisiche dell'ambiente marino; distribuzione della fauna e della flora marina).
Conoscenza di specifiche problematiche (quali: minacce che gravano sul mare e sulla sua biodiversità).
Conoscenza dei meccanismi relativi alla produttività dell'ambiente marino.
Conoscenza dei principi alla base dei metodi più utilizzati per il campionamento e la raccolta di dati sugli organismi marini.
Un quadro sulle attuali conoscenze sull'evoluzione e la diversità della vita nell'ambiente marino e le basi di un approccio scientifico all'adozione di misure di conservazione.
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Secondo semestre
Durante la fase di didattica emergenziale, l'attuale programma viene riproposto con le seguenti modifiche necessarie per una buona fruizione online del corso, originariamente progettato per la didattica in presenza:

Metodi didattici
Le lezioni verranno erogate utilizzando la piattaforma Microsoft Teams e potranno essere seguite sia in modalità sincrona, secondo l'orario del secondo semestre, sia in modalità asincrona, in quanto verranno registrate e lasciate a disposizione degli studenti sulla medesima piattaforma. Le presentazioni utilizzate durante le lezioni verranno integralmente messe a disposizione sul sito ARIEL.

Programma e materiale di riferimento
Il programma e il materiale di riferimento non subiranno variazioni.

Modalità di verifica dell'apprendimento e criteri di valutazione
L'esame orale, sia da remoto che in presenza, prevede, da parte dello studente, una breve esposizione di un argomento di Ecologia marina e di un argomento di Conservazione della biodiversità marina. Le due parti dell'esame hanno un ugual peso (50%). Viene valutata la padronanza complessiva della materia, la capacità di fare collegamenti trasversali fra i diversi argomenti, nonché la chiarezza espositiva e l'impiego di una terminologia appropriata. Il voto è espresso in trentesimi.
L'esame si svolgerà in forma orale utilizzando la piattaforma Microsoft Teams. L'esame in presenza è previsto qualora la regolamentazione lo consenta.
Programma
L'insegnamento comprende una introduzione sull'ambiente marino e sulle sue principali differenze rispetto a quello terrestre. In questa prima parte vengono descritte le caratteristiche chimico-fisiche del mare rilevanti per la vita, l'adattamento degli organismi all'ambiente marino, i loro cicli vitali, il funzionamento e la produttività degli ecosistemi marini. Per quanto riguarda le diverse comunità presenti nel mare, vengono illustrate le caratteristiche e i phyla più rappresentativi tra quelli che costituiscono il plancton, il necton, il benthos e la meiofauna. Infine vengono trattati elementi di biogeografia, oceanografia e biodiversità, con una speciale attenzione al Mediterraneo.
La seconda parte dell'insegnamento esamina i metodi di studio della biodiversità marina, i diversi tipi di sfruttamento delle risorse marine (pesca, acquacoltura, biotecnologie marine) e le differenti minacce alla biodiversità marina (sfruttamento eccessivo delle risorse ittiche, inquinamento, bioinvasioni, cambiamenti climatici). In questo contesto vengono descritti anche gli strumenti a disposizione per tutelare la biodiversità quali le aree marine protette, con particolare riferimento a quelle italiane e del Mediterraneo, e i regimi di regolamentazione delle attività umane.
Prerequisiti
Sono richieste conoscenze di base di biologia generale, in particolare di zoologia e botanica.
Metodi didattici
Modalità di erogazione dell'insegnamento basata su lezioni frontali interattive ampiamente supportate da presentazioni Power Point prodotte in originale dai docenti. Gli studenti sono stimolati a partecipare attivamente alla lezione con domande e/o commenti informali relativi ai temi trattati al fine di migliorare le proprie capacità critiche. Modalità di frequenza: fortemente consigliata.
Materiale di riferimento
Testi consigliati: Castro P, Huber ME. Biologia marina. McGraw-Hill.
Slide e presentazioni utilizzate durante le lezioni: vengono aggiornate anno per anno e integralmente messe a disposizione sul sito ARIEL. L'insegnamento prevede inoltre una possibile integrazione con seminari di tipo specialistico e la lettura e discussione critica di articoli scientifici pertinenti.
https://ariel.unimi.it/ http://gnotarbartolobem.ariel.ctu.unimi.it/v3/Home/
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
L'esame orale prevede, da parte dello studente, una breve esposizione di un argomento di Ecologia marina e di un argomento di Conservazione della biodiversità marina. Le due parti dell'esame hanno un ugual peso (50%). Viene valutata la padronanza complessiva della materia, la capacità di fare collegamenti trasversali fra i diversi argomenti, nonché la chiarezza espositiva e l'impiego di una terminologia appropriata. Il voto è espresso in trentesimi.
BIO/05 - ZOOLOGIA - CFU: 0
BIO/07 - ECOLOGIA - CFU: 0
Lezioni: 48 ore
Docente/i
Ricevimento:
Tutti i lunedì, ore 14.45, oppure su appuntamento, presso il mio studio.
Ufficio - Sezione Zoologia e Citologia - Torre A, piano terra - Dipartimento di Biologia, Via Celoria 26, 20133 Milano